Home » Psico Blog » Psicologia » Disturbo Bipolare e Social Network

Disturbo Bipolare e Social Network

Disturbo Bipolare e Social NetworkIl disturbo bipolare è associato ad un significativo declino funzionale[1], cognitivo[2] e sociale[3]. Con il progredire del disturbo, spesso i pazienti manifestano deficit importanti rispetto al funzionamento sociale, che risulterebbero correlati all’indebolimento delle capacità cognitive. Questo aspetto poi va ad incidere sulla vita sociale e familiare della persona che soffre di tale disturbo, impattando anche il network di supporto sociale[4]. Le relazioni che una persona mantiene nella propria vita, tra l’altro, giocano un ruolo chiave nel mantenere un benessere anche psicologico, permettendo di affinare la competenza sociale anche sul lavoro[5]. All’opposto, il non essere coinvolti socialmente in relazioni significative è associato con una bassa qualità di vita[6].

L’era digitale ha imposto dei cambiamenti importanti nel modo di gestire le relazioni[7], basti pensare che oltre 2,3 miliardi di persone al mondo utilizzano internet sia per cercare informazioni che per comunicare[8]. Nello specifico, è notevolmente aumentato l’utilizzo di siti di social network, tra cui facebook, che ad oggi è il più grande social network al mondo. I social network hanno cambiato il modo in cui si comunica e in cui si condividono o si ricercano informazioni, facendo emergere nuove dinamiche di interazione[9]. Diverse ricerche condotte nell’ambito della psicologia sociale hanno evidenziato una forte associazione tra umore/salute e utilizzo dei social network, alcune delle quali hanno provato che esiste una correlazione tra utilizzo di internet o televisione e isolamento sociale[10], depressione[11], narcisismo[12] e dipendenza[13].

Lo studio condotto in Brasile da Martini e collaboratori indaga invece il modo in cui l’indebolimento delle abilità funzionali e sociali proprio del disturbo bipolare possa impattare sul comportamento in internet, evidenziando come i pazienti affetti da disturbo bipolare abbiano un minor network di contatti su internet rispetto a un gruppo di controllo, costituito da soggetti che non soffrono di alcun disturbo psichiatrico[14]. Rispetto all’indagine socio demografica si è visto che il gruppo di controllo era costituito da persone più frequentemente sposate, confermando l’idea che coloro che soffrono di disturbo bipolare hanno difficoltà relazionali anche quando non sono in una fase acuta del disturbo. Secondo Martini e colleghi, i pazienti affetti da disturbo bipolare risulterebbero avere meno amicizie sia nel mondo reale che su internet ed il loro comportamento online non corrisponderebbe a quello di chi non soffre di alcun disturbo psichiatrico ed ha la stessa età. Inoltre, tenderebbero ad usare internet ed i social network con meno frequenza rispetto al gruppo di controllo, esibendo una minore conoscenza informatica rispetto alla generazione d’appartenenza.

 dott.ssa Gaia Del Torre

 


[1] Kauer-Sant’Anna M, Bond DJ, Lam RW, Yatham LN (2009) Functional outcomes in first-episode patients with bipolar disorder: a prospective study from the Systematic Treatment Optimization Program for Early Mania project. Compr Psychiatry 50(1): 1–8.

[2] Zubieta JK, Huguelet P, O’Neil RL, Giordani BJ (2001) Cognitive function in euthymic bipolar I disorder. Psychiatry Res 102: : 9 –20.

[3] 5. Kauer-Sant’anna M, Yatham LN, Tramontina J, Weyne F, Cereser KM, et al. (2008) Emotional memory in bipolar disorder. Br J Psychiatry 192(6): 458–63.

[4] 5. Kauer-Sant’anna M, Yatham LN, Tramontina J, Weyne F, Cereser KM, et al. (2008) Emotional memory in bipolar disorder. Br J Psychiatry 192(6): 458–63.

[5] 9. Kennedy DP, Adolphs R (2012) The social brain in psychiatric and neurological disorders. Trends in Cognitive Sciences 16(11): 559–572.

[6] 13. Kraut R, Patterson M, Lundmark V, Kiesler S, Mukopadhyay T, et al. (1998) Internet paradox. A social technology that reduces social involvement and psychological well-being? American Psychology 53(9): 1017–31.

[7] Hampton KN, Goulet LS, Rainie L, Purcell K (2011) Social Network sites and our lives: How people’s trust, personal relationships, and civic and political involvement are connected to their use of social networking sites and other technologies. PEW Internet & American Life Project/Pew Research Center.

[8] International Telecommunication Union (2012) Measuring the information Society. Place des Nations. Geneva Switzerland.

[9] Ellison NB, Steinfield C, Lampe C (2007) The benefits of Facebook “friends”: Social capital and college students’ use of online social network sites. Journal of Computer-Mediated Communication, 12 (4), article 1.

[10] Kraut R, Patterson M, Lundmark V, Kiesler S, Mukopadhyay T, et al. (1998) Internet paradox. A social technology that reduces social involvement and psychological well-being? American Psychology 53(9): 1017–31.

[11] O’Keeffe GS, Clarke-Pearson K, Council on communications, media Clinical (2011) Report – The impact of social media on children, adolescents, and families. American Academy of Pediatrics 127 (4): 800–804.

[12] Carpenter CJ (2012) Narcissism on Facebook: Self-promotional and anti-social behavior. Personality and Individual Differences 52(4): 482–486.

[13] Kelleci M, Inal S (2010) Psychiatric symptoms in adolescents with Internet use: comparison without Internet use. CyberPsychology, Behavior and Social Networking 13 (2): 191–194.

[14] Martini T, Czepielewski LS, Fijtman A, Sodré L, Wollenhaupt-Aguiar B, et al. (2013) Bipolar Disorder Affects Behavior and Social Skills on the Internet.

Tag: , , , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dr. Lorenzo MAGRI

Psicologo

Via Vittor Pisani 13 D – 20124 Milano

Iscrizione Ordine degli Psicologi della Lombardia n 10184

Partita IVA: 01628230995

Le ultime news