Home » Psico Blog » Psicologia Clinica e Patologie » La misurazione della propensione all’abuso alcolico

La misurazione della propensione all’abuso alcolico

L’alcol è una delle droghe più pericolose per la salute. La sua elevata capacità di indurre dipendenza fisica ed abuso ha effetti su tutto l’organismo (Nutt et al., 2007), causando serie conseguenze ai sistemi digerente, nervoso centrale e cardiovascolare.
In alcuni gruppi della popolazione il consumo di alcolici costituisce un rischio per la salute ancora maggiore, come ad esempio accade per i giovani adolescenti, a causa sia della loro scarsa capacità di metabolizzare l’alcol e la loro suscettibilità ad essere influenzati nell’acquisizione di comportamenti che possono danneggiare la loro salute, mantenendoli anche da adulti.

La percentuale di persone che consumano eccessive quantità di alcolici è aumentata costantemente negli anni. In Italia,l’età del primo contatto con le sostanze alcoliche è la più bassa di tutta l’Europa: 12.2 anni rispetto ai 14.6 del resto dell’Europa (Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali, 2008). I dati ISTAT del 2007 confermano che i maggiori consumatori di sostanze tossiche sono i giovani tra gli 11 ed i 15 anni e che l’abuso avviene generalmente nel corso del fine settimana. Tra gli adolescenti maggiori di 16 anni,il consumo di alcolici raggiunge una percentuale del 74%. Inoltre, l’alcol è la prima causa di morte tra i giovani, a causa degli incidenti in macchina legati all’abuso di alcolici che possono coinvolgere sia chi guida che i passeggeri (ISTAT, 2007 a,b).
I numerosi studi condotti sulle motivazioni che spingono i giovani al consumo di alcolici citano svariati fattori, tra cui problemi relazionali e di integrazione nel gruppo dei pari (Vantamay, 2009). La maggior parte delle teorie relative all’abuso alcolico sostengono che esso non debba essere spiegato esclusivamente facendo riferimento alle caratteristiche del consumatore, ma al contesto sociale in cui la persona vive ed ai modelli che si propone di seguire (Mallett et al., 2009).
Considerando la gravità della natura del fenomeno, sono stati proposti diversi tipi di intervento all’Unione Europea al fine di proteggere questo gruppo di età che, insieme alle donne, è quello a maggior rischio di abuso alcolico e dei problemi che esso comporta (Scafato, 2007).
L’obbiettivo dello studio che viene illustrato nel presente articolo è stato quello di analizzare le caratteristiche di un nuovo strumento denominato “Scala per la misurazione della propensione all’abuso alcolico” validata dalla Nutrition Unit and Health Services Satisfaction Centre dell’Università di Siena. Questo strumento sarebbe in grado di misurare il profilo di rischio di un giovane relativamente all’assunzione di alcolici e di identificare i fattori che potrebbero contribuire a determinare un abuso alcolico. La struttura finale del test comprende 15 items, divisi in tre principali aree e avrebbe mostrato buone proprietà psicometriche sia a livello di validità che di attendibilità. Questa scala può essere utilizzata in persone tra i 18 ed i 26 anni per misurare i fattori in grado di condizionare comportamenti di abuso di sostanze e di alcolici[1].

di Gaia del Torre



[1]Scale for the Measurement of Attitudes Towards Alcohol, Claudia Francalanci, Silvia Chiassai, Giulia Ferrara, Fabio Ferretti, Rosalba Mattei, Department of Surgery and Bioengineering and Health Services Satisfaction Centre, University of Siena, Alcohol Alcohol, 2011 Jan 27.
 
 

Tav. 1 Scale for the Measurement of Attitudes Towards Alcohol
Claudia Francalanci, Silvia Chiassai, Giulia Ferrara, Fabio Ferretti and Rosalba Mattei
© The Author 2011. Published by Oxford University Press on behalf of the Medical Council on Alcohol. All rights reserved
Traduzione esemplificativa dall’articolo in lingua inglese.
 
Dominio 1: ‘Disinvoltura sociale’ Descrive quei comportamenti di abuso alcolico che derivano dalla percezione della persona che l’alcol può facilitare le relazioni sociali, con il sesso opposto e con il gruppo dei pari.
 
Bere mi aiuta a sentirmi a mio agio col gruppo a cui appartengo
 
Bevo per facilitare le relazioni con il sesso opposto
 
Bevo per essere più socievole
 
Bevo per sentirmi più sicuro di me stesso
Bere mi aiuta a superare la mia timidezza
 
Dominio 2: ‘Preoccupazioni’ Descrive I comportamenti di abuso alcolico derivanti dalla necessità della persona di scappare da sensazioni di disperazione, tristezza o rabbia o dal dover avere a che fare con problemi personali, relazionali o familiari.
 
Bevo alcol quando mi devo rilassare
 
Bevo alcol quando devo confrontarmi con il mio senso di disperazione
 
A volte bevo quando sono arrabbiato
 
Bevo alcol per scappare dai problemi quotidiani
 
Bevo quando sono triste
 
Dominio 3: ‘Aspetti Economici’ Descrive I comportamenti di abuso alcolico derivanti dalla facilità/gratuità nell’ottenere alcolici
 
Quando l’alcol è gratuito è stupido non approfittarsene
 
Consumo di meno quando devo pagare per ogni drink
 
Mai rifiutare un drink gratuito
 
Quando mi offrono un drink gratuito accetto anche se non ne ho voglia
 
Quando mi offrono diversi drink gratuiti in una stessa serata bevo più del solito
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dr. Lorenzo MAGRI

Psicologo

Via Vittor Pisani 13 D – 20124 Milano

Iscrizione Ordine degli Psicologi della Lombardia n 10184

Partita IVA: 01628230995

Le ultime news