Home » Psico Blog » Psicologia Clinica e Patologie » Psicoterapia efficace per il disturbo borderline

Psicoterapia efficace per il disturbo borderline

personalità borderline

Il disturbo borderline corrisponde ad una patologia la cui sintomatologia consiste in instabilità dell’umore, dei rapporti con gli altri, dell’immagine di sé e del proprio modo di comportarsi e percepirsi. Si tratta di un disturbo molto frequente, in forte aumento e per questo è importante poter individuare quali sono le terapie maggiormente efficaci nel trattare tale disturbo.
  
Diversi tipi di psicoterapia si sono dimostrati efficaci nel trattamento del disturbo di personalità borderline:
·        Terapia dialettico-comportamentale (DBT), sviluppata da Marcia Linehan, è un trattamento cognitivo-comportamentale che interviene sui comportamenti suicidi ari e su altri comportamenti pericolosi e destabilizzanti.

La DBT standard si rivolge alle cinque seguenti funzioni: (1) incremento delle capacità comportamentali, (2) aumento della motivazione alla base di comportamenti tesi ad accrescere le abilità della persona (attraverso la gestione della contingenza e la riduzione di emozioni e pensieri che interferiscono col funzionamento della persona), (3) stabilizzazione e generalizzazione dei principali elementi a favore del soggetto presenti nel suo ambiente natuale, (4) strutturazione del contesto di trattamento così da rinforzare i comportamenti funzionali anziché quelli disfunzionali e (5) sviluppare le capacità e la motivazione del terapeuta al fine di trattare i pazienti in maniera efficiente.

·        Psicoterapia basata sul transfert, elaborata da Otto Kernberg, focalizzata sull’interpretazione del transfert nel qui ed ora, come potenziale leva al cambiamento del comportamento. Il focus è diretto alle tematiche che emergono nella relazione tra il paziente ed il terapeuta.
·        Psicoterapia supportiva, utilizza tecniche quali l’ascolto empatico, l’educazione, l’incoraggiamento, un setting chiuso, l’esortazione (a compiere o a controllare determinati tipi di comportamento), la rassicurazione, i consigli e la validazione.
·        Terapia basata sulla mentalizzazione, il cui pionere è stato Andrew Bateman e Peter Fonagy, vuole facilitare la capacità di mentalizzaizone, intesa come abilità nel percepire gli stati mentali altrui come distinti rispetto ai propri al fine di riconsiderare e riassestare le proprie percezioni della realtà.
·        Sistema formativo rispetto alla lettura emotiva ed alla risoluzione di problemi (STEPPS), consiste in un trattamento di gruppo di pazienti non istituzionalizzati che prevede tre componenti principali: psicoeducazione sul disturbo borderline di personalità, formazione sulla gestione delle emozioni e sulle capacità di controllo e gestione del comportamento.
·        Terapia focalizzata sugli schemi, unisce elementi della terapia cognitivo comportamentale, psicodinamica e di altre terapie. Jeffrey Young, che ha sviluppato questa terapia, la descrive come una terapia attiva, strutturata, orientata ad individuare e cambiare i problemi psicologici più profondi osservando agli schemi di vita che tendono a ripetersi ed ai principali temi della vita del paziente, denominati per l’appunto schemi.
·        Gestione psichiatrica generale, è una terapia basata sulla Guida Pratica per il Trattamento del Disturbo Borderline di Personalità dell’APA (American Psychological Association) che consiste nella gestione di un caso, in una psicoterapia dinamica e nella gestione clinica dei sintomi[1].
 
 Dott. Gaia Del Torre


[1] Clinical & Research News, Using Psychotherapy for BPD, Psychiatric News April 1, 2011, Volume 46 Number 7 Page 11.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dr. Lorenzo MAGRI

Psicologo

Via Vittor Pisani 13 D – 20124 Milano

Iscrizione Ordine degli Psicologi della Lombardia n 10184

Partita IVA: 01628230995

Le ultime news